Rimedio naturale contro il sonno: le proprietà della passiflora

L’insonnia è uno dei problemi che colpisce maggiormente adolescenti e adulti: si tratta di uno squilibrio che indistintamente può colpire persone che non riescono a conciliare il sonno e si ritrovano a svegliarsi nel cuore della notte, faticando anche ad addormentarsi. Oggi parleremo di un particolare rimedio naturale che riesce ad essere efficace in ogni sua forma e assunzione per riuscire ad alleviare questo problema, aiutandoti a riposare meglio e in modo continuo. Hai mai sentito parlare della passiflora? Si tratta di una pianta dai fiori color bianco, porpora e azzurro e dispone di interessanti proprietà benefiche.

Le proprietà della passiflora

Nella preparazione di soluzioni erboristiche si inseriscono le parti aeree della passiflora, quindi gli steli, fiori, foglie e frutti: secondo una serie di studi è emerso che è perfetta proprio per la cura e la prevenzione specifica di ansia, angoscia ed insonnia. Ha un’azione rapida e nel giro di pochissimi minuti dona subito un effetto rilassante e sedativo che va a concentrarsi nel sistema nervoso centrale. Lo possiamo consumare come tisana, preparata sotto forma di infuso o in gocce per dormire naturali da inserire al massimo in due tazze di acqua al giorno.

Secondo gli esperti è capace di garantire un effetto efficace quanto quello della melissa e valeriana; la sua azione calmante garantisce un sonno notturno tranquillo. Inoltre è anche consigliata in caso di problemi muscolari come i crampi mestruali, o durante la menopausa.
Viene raccolta in piena estate, prestando grande attenzione ai suoi frutti che sono ricchi di vitamina C e presentano un elevato potere rinfrescante, altro aspetto da non sottovalutare.

Come si usa?

Pur non essendo estremamente conosciuta a livello italiano, le proprietà curative della passiflora sono note dall’antichità, a partire dagli Aztechi, che già ne apprezzavano il forte potere rilassante. In seguito, ai tempi del primissimo conflitto mondiale veniva usata per contrastare le paure e lo stress legato alla guerra, poiché calmava asma, palpitazioni e pressione alta.

Potrai usarla come infuso sedativo e antispasmodico preparato con 2 grammi di foglie per 100 grammi di acqua: potrai bere 3 cucchiai della bevanda ottenuta nei momenti di maggiore tensione. Consigliamo di berlo soprattutto prima di andare a dormire poiché agirà in modo immediato come un sonnifero naturale. Ma è sempre bene non abusarne, ma fare un uso ponderato, poiché come sappiamo anche eccedere con le somministrazioni può creare dei problemi. Ripetiamo quindi di non superare mai le due dosi (due bicchierini o tazze) al giorno.

Essiccatore per alimenti: vantaggi e curiosità

Più il tempo passa e più si diffonde l’uso dell’essiccatore per alimenti, un elettrodomestico che è perfetto per essiccare i liquidi contenuti all’interno di ogni prodotto che andremo a inserire al suo interno.  Il tutto avviene senza alcuna trasformazione chimica dei composti, lasciando che la macchina lavori in autonomia all’interno delle propria mura domestiche. Uno dei tanti problemi di questa operazione, senza l’apposita macchina, è quello di non avere tempo per far essiccare gli alimenti al sole. Parallelamente durante le giornate più calde estive, raramente si ha voglia di accendere il forno in casa e rispettare i lunghi tempi di essiccazione. Per questo possiamo dire che l’essiccatore domestico per alimenti è ciò che ti sarà utile!

Quali sono i vantaggi di un essiccatore per alimenti

Come detto, questo elettrodomestico è un modo rapido ed economico per poter conservare diverse tipologie di cibo, senza dover aggiungere conservanti, zuccheri o sostanze chimiche. Disponi di verdure, frutta, cereali e anche carne o pesce? Tutto ciò che abbiamo appena nominato potrà essere essiccato e quindi conservato in modo da avere diverse prelibatezze e specialità in qualsiasi periodo dell’anno.

Ogni alimento viene disidratato e quindi essiccato, ma potrà poi essere ammorbidito grazie all’acqua: pensa ai funghi per esempio che potranno essere lasciati in ammollo per preparare gustosissimi risotti. E perché non parlare della frutta, che può essere mescolata anche alla frutta fresca e inserita in uno yogurt bianco per ottenere una merenda deliziosa. In ogni momento potrai contare sulle vitamine e sui sali minerali degli alimenti che resteranno invariati, poiché se vengono privati dell’acqua si vanno a rimuovere tutti i rischi di proliferazione di batteri e muffe.

Perché comprarlo?

Un aspetto molto importante che tendiamo spesso a dimenticare è legato anche e soprattutto al tipo di alimenti che andiamo ad acquistare: usando un essiccatore elettrico, potrai comprare la frutta di stagione biologica, molto meno costosa rispetto al resto. E riuscirai così a mangiarla durante l’inverno, senza il rischio di dover comprare frutta fuori stagione!

A questo punto dovrai cercare di analizzare e valutare le caratteristiche di questo elettrodomestico, puntando su un modello che sia ben proporzionato a livello di dimensioni e funzioni garantite, valutando sempre il tipo di prezzo con cui viene inserito su mercato. Esistono tanti modelli tra i quali scegliere, ma il migliore sarà sicuramente quello che ti permetterà di assecondare in modo completo i tuoi desideri, rispettando le tue esigenze a livello alimentare.

In ascesa il prezzo dei diamanti

Un profitto che non segna negativo, anzi è capace di battere l’inflazione di 1-1,5 punti percentuali.
Parliamo di investire in diamanti.
Attualmente, il settore dei diamanti è ancora un po’ una nicchia del mercato per i piccoli risparmiatori che sono sempre più attratti dalla corsa al rialzo dell’oro, anche se
hanno fatto registrare un profitto più che triplo.
Con l’oro che sta perdendo sempre di più terreno ( ad oggi le quotazione parlano chiaro 1.570 $/oncia) e date le carenze dei beni di rifugio che stiamo passando in questo periodo, la continua e inesorabile ascesa del prezzo delle gemme sta diventando inesorabile e oggettivo.
Un mercato in continua espansione, come afferma Maurizio Sacchi, fondatore e amministratore delegato della Diamond Private Investment: una delle due società italiane che si occupa della commercializzazione dei diamanti per investimento attraverso le banche.
Maurizio Sacchi ha dichiarato:”I diamanti si stanno esaurendo: è da almeno 15 anni che non viene scoperta una nuova miniera. Inoltre, anche se De Beers ha ormai perso il monopolio, il mercato resta comunque dominato da un oligopolio. È come se ci fosse un’Opec dei diamanti e nei momenti di crisi l’industria reagisce adeguando l’offerta alla domanda, in modo da proteggersi da un eventuale crollo dei prezzi”.

Che cosa sono i droni giocattolo?

L’utilizzo di un drone giocattolo è previsto prevalentemente per scopi ludici, quindi come hobby con il quale divertirsi durante il proprio tempo libero. Questo oggetto può essere acquistato con estrema facilità anche sul web, a prezzi che variano da un minimo di 50 euro ad un massimo di 200 euro, per modelli che arrivano a discreti livelli qualitativi, ma non possono essere utilizzati per scopi di carattere professionale.

Grazie ai costanti miglioramenti anche i drone prezzi giocattolo sono diventati accessibili anche a persone che non hanno conoscenze specifiche con l’utilizzo di questi dispositivi, ma nonostante ciò desiderano avere accesso a questo hobby. I droni sono dotati di telecamere e permettono la possibilità di realizzare video e scattare fotografie, che avranno alcuni limiti, poiché non saranno mai di qualità elevata.

Unico vero limite di questi dispositivi è rappresentato dalla loro autonomia di volo, che in alcuni casi non arriva alla durata di un quarto d’ora.

Scoprire le migliori ricette della Toscana

La Toscana è una terra ricca di buoni piatti gourmet che vengono apprezzati da ogni parte del mondo. Le ricette tipiche della cucina toscanasono basate su ingredienti freschi, genuini e stagionali, come i legumi, i formaggi, frutta e verdura. Le ricette tipiche della tradizione toscana sono preparati di solito con ciò che viene trovato quotidianamente nei mercati locali e sono sempre delle ricette semplici, veloci e ricche di gusto e sapore. Molto apprezzata dai turisti, la cucina toscana può essere apprezzata al meglio quando viene preparata da uno chef che conosca i metodi segreti e le procedure per produrre sempre ottimi piatti. Per degustare le ricette tipiche è infatti consigliabile rivolgersi ad uno dei ristoranti di lusso a Firenze, dove lo chef stellato Michelin esprimerà tutta la sua creatività rielaborando le tradizionali ricette fiorentine.
Nonostante la semplicità dei piatti, la cucina toscana si distingue per la sua enorme ricchezza e varietà di gusti. Le portate sono sempre abbondanti, come impone la tradizione fiorentina. Tutti i piatti vengono quasi sempre serviti in abbinamento con il pane tipico toscano: semplice, bianco e soprattutto senza sale, quindi è ottimo anche per coloro che non amano mangiare cibi molto saporiti. La tradizione del pane senza sale risale al XVI° secolo, quando una legge toscana sul sale fece modificare ai panificatori locali il modo in cui erano soliti preparare il pane, eliminandolo del tutto. Questo giustifica anche l’altro aspetto tipico della cucina toscana, ovvero il grande gusto e sapidità presenti nei piatti tipici della tradizione: il pane toscano è quindi la soluzione ideale da inzuppare nell’olio e nei sughetti vari che accompagnano quasi tutte le preparazioni principali.
La prossima volta che si decide di organizzare un viaggio in Toscana è quindi consigliabile fermarsi per un buon pranzo o una ottima cena in un ristorante di lusso a Firenze, in modo da poter apprezzare tutta l’enorme varietà di ricette tipiche rivisitate in chiave moderna, come il caciucco, la fiorentina o la sempre apprezzata ribollita toscana, decisamente amata dai turisti di tutto il mondo per la sua semplicità.

Estrattori di succo a freddo: perché dire sì al loro acquisto?

Siamo diffidenti per natura e spesso facciamo fatica a fidarci anche di quelle innovazioni tecnologiche che ci promettono benessere e massima salute per il nostro organismo; ma in tutto questo che cosa ci sarà di vero? E soprattutto perché bisognerebbe scegliere questo attrezzo piuttosto che una centrifuga? Iniziamo subito con il dire che se amate sorseggiare il sapore più puro e naturale di frutta e verdura, questi elettrodomestici sono perfetti per riempire la vostra dieta e trasformarla in un perfetto stile di vita dal quale ricavare nutrienti e sali minerali. La differenza sostanziale è data dal risultato finale: a livello di prezzo una centrifuga è molto più accessibile rispetto a un estrattore, che per essere considerato “buono” deve almeno costare un minimo di 300euro. Ma è la bevanda ottenuta a far pendere l’ago della bilancia sull’estrattore: il un succo prodotto con questo attrezzo infatti è più ricco di fibre rispetto a quello ottenuto con una centrifuga, è molto più concentrato e più sano rispetto a quanto potremo preparare con la centrifuga.

Acquistando un estrattore sarà possibile anche concentrarsi sulla preparazione di diverse varietà di latte: dal latte di riso al latte di soia passando per il latte di mandorla. Tutto questo sarà ottenuto con una minor quantità di “sprechi alimentari”, e potrete conservare il preparato in frigo per un massimo di 48 ore, anche se si consiglia di consumarlo subito. Gli estrattori di succo a freddo ci permettono di assumere una bevanda dall’alta componente idrica e ricca di micronutrienti, che fornisce senso di sazietà e soprattutto permette di ridurre in modo drastico la digestione di determinate verdure che al loro stato solido richiederebbero molto più tempo.

Unico aspetto più scomodo di questo attrezzo è dato dalla fase di pulitura: se è estremamente facile scegliere ed estrarre il succo da frutta e verdura, è altrettanto difficile rimuovere polpa e avanti ottenuti dopo la spremitura. Il tutto dipende dal modello scelto, ma è certo che sia le centrifughe che gli estrattori sono composti da diversi pezzi che vanno lavati singolarmente. E da qui sorgono tutti i problemi del caso.

Ma grazie alla sua grande utilità non solo in cucina, ma anche nell’aumentare il nostro benessere fisico, l’estrattore di succo ricette è diventato uno degli oggetti più acquistati i richiesti d’Italia, dove il suo utilizzo è ormai all’ordine del giorno, soprattutto per permettere anche ai bambini di poter assumere determinate sostanze nutritive in modo facile e gustoso.

Come scegliere un ristorante? Alcuni utili consigli

Come scegliere un buon ristorante? Qualora si avesse l’esigenza di pranzare o cenare fuori, magari durante un viaggio o comunque in una località che non si conosce, scegliere con oculatezza il ristorante è importante, ma non sempre facile. Ogni ristorante, ovviamente, si presenta come una vera e propria “casa del gusto”, ma la realtà dei fatti è ben diversa: quando si va a mangiare in un ristorante di cui non si conosce nulla, infatti, le possibilità di mangiare in modo impeccabile sono pressoché analoghe a quelle di fare un pasto davvero pessimo.

Come si può fare, dunque, ad individuare un buon ristorante a verona, anche nel caso in cui non si abbia alcuna informazione attendibile a riguardo? In molti sono abituati a visitare le classiche recensioni su Internet, ovvero i commenti postati direttamente dalle persone che hanno avuto modo di scoprire il locale. Sicuramente, dalle recensioni è possibile ottenere delle informazioni interessanti, ma questi commenti non possono assolutamente essere considerati attendibili al 100%: come noto, infatti, nella grande maggioranza dei casi la veridicità di queste recensioni non è controllata, dunque non si può prendere, quanto letto sul web, come una verità assoluta.

Più utile è, sicuramente, visitare il sito web ufficiale del ristorante: è sicuramente molto positivo che un ristorante abbia un sito Internet ufficiale, ed ovviamente le informazioni inserite in questo spazio web devono corrispondere a verità, soprattutto per quanto riguarda la varietà del menù. Nel caso in cui si dovessero constatare delle significative discordanze tra quanto presentato nel sito e quanto realmente proposto dal ristorante, il cliente ha pieno diritto di rivolgere una lamentela ai titolari.

Molto positivo è, inoltre, che il ristorante specifichi sul proprio sito o anche direttamente sui propri menù la provenienza delle materie prime, soprattutto per quanto riguarda, ad esempio, il pesce, oppure altri alimenti per i quali è indispensabile la freschezza. In linea di massima, si può certamente affermare che tanto maggiori e dettagliate sono le informazioni riguardanti un alimento servito, tanto più elevate sono le probabilità che lo stesso possa rivelarsi di qualità.

Nella scelta di un buon ristorante, inoltre, bisogna assolutamente sfatare l’equazione secondo cui ad alti prezzi corrisponderebbero alimenti più genuini e più gustosi. Non è assolutamente così, anche in considerazione che molti ristoranti hanno la possibilità di alzare i loro prezzi in virtù del loro nome particolarmente rinomato; al contrario nei ristoranti meno conosciuti, magari gestiti in modo familiare e poco pubblicizzati, si può certamente regalarsi un pranzo o una cena di alto livello a fronte di una spesa decisamente conveniente. Pur trattandosi di consigli piuttosto generici, quelli elencati sono sicuramente dei suggerimenti da tenere sempre in considerazione al momento della scelta di un ristorante.